L’annuncio da parte del CPO di Adobe, Scott Belsky.

Il dipartimento Creative Cloud di Adobe sta sviluppando, in versione completa, il software per elaborazione di immagini digitali più conosciuto al mondo, Adobe Photoshop.

La notizia uscita la scorsa settimana, viene quindi confermata dal Chief Product Officer della casa, Scott Belsky, che però non si è sbilanciato sulle possibili tempistiche di rilascio, affermando semplicemente di voler vedere il prodotto sul mercato il prima possibile.

E’ stato confermato anche che la versione sarà multi piattaforma. In ogni caso, il primo dispositivo su cui verrà rilasciata la versione completa di Adobe Photoshop, sarà comunque l’iPad.

Una nuova evoluzione, quindi, delle strategie della casa di San Jose, che aveva lanciato su internet le sue prime app di tipo Express nell’ormai lontano 2008.

Per Geoff Baum, ex direttore dei prodotti Express, l’obiettivo era quello di ridurre i tempi di editing, con un metodo di utilizzo intuitivo e veloce.

Grazie all’evoluzione di Android ed iOS, nei 4 anni successivi lo sviluppo delle app, express migliorò notevolmente. L’interfaccia di utilizzo fu resa più chiara, e il rendering finale in fase di salvataggio forniva delle immagini valide.

Creative Cloud, la nuova era di Adobe

Nel 2012 avvenne la vera e propria evoluzione, in casa Adobe. Venne rimossa la possibilità di acquisto completo delle app, adottando una concessione in licenza tramite abbonamento, mensile od annuale.

Inoltre si poteva scegliere di acquistare le singole app, o pacchetti di più app formulati ad-hoc per i diversi settori creativi.

In aggiunta a questo, venne inserito il servizio di storage in Cloud, che ci accompagna ancora oggi.

Creative Cloud rappresenta una nuova era in cui, la molteplicità dei servizi forniti da Adobe, è interconnessa e semplifica il lavoro agli utilizzatori di diversi settori creativi.

adobe creative cloud

A seguito della trasformazione di Adobe Creative Suite in Adobe Creative Cloud, la casa ha colto anche l’importanza dell’evoluzione dei dispositivi mobili. Sono state sviluppate delle mobile app che col tempo hanno assunto sempre di più la struttura delle app principali.

Come ad esempio una delle versioni mobile di Photoshop, denominata Photoshop Touch, che ebbe particolare successo tra gli utilizzatori di iPad.

Ritenuta molto più veloce e leggera, garantiva prestazioni e risultati all’altezza della versione desktop. Nonostante le ottime considerazioni da parte della critica, il 28 aprile 2017 Adobe annuncia il termine dello sviluppo di Photoshop Touch.

photoshop touch

Con la notizia della versione completa di Photoshop per iPad, si può supporre che gli esperimenti eseguiti in passato abbiano convinto Adobe a puntare in modo definitivo sul settore mobile.

Bisognerà, tuttavia, attendere il momento del rilascio per capire quanto potrà essere d’impatto nel modo di lavorare quotidiano. In ogni caso, la casa Californiana, ci lascia stupiti ancora una volta.

Rispondi