Canon EOS 250D: piccola, leggera e con video 4K

News Canon EOS 250D: piccola, leggera e con video 4K

Canon ha presentato ufficialmente la sua nuova reflex entry-level EOS 250D, con cui intende sostituire la ormai sorella minore EOS 200D, la quale ha dominato il mercato di fascia bassa dal 2017 ad oggi.
La nuova arrivata è ultra-leggera, compatta e può registrare video fino in 4K grazie al processore DIGIC 8.

La Canon EOS 250D va a posizionarsi nella parte entry-level del mercato fotografico, cercando però, con le sue caratteristiche, di restare al passo con i tempi.
Difatti non presenta grandi novità nel comparto fotografico rispetto alla precedente EOS 200D. Rimane invariato il sensore d’immagine, si parla di un APS-C CMOS dalla risoluzione di 24,2 Megapixel. La 250D eredita anche l’estensione della gamma ISO che va da 100 a 25.600, lo scatto continuo di circa 5 fps, lo schermo tiltabile e purtroppo anche il sistema di messa a fuoco a 9 punti.

canon eos 250d

 

Canon EOS 250D

  • Tipologia: Reflex
  • Baionetta: Innesto EF
  • Sensore: APS-C CMOS da 22,3 x 14,9 mm
  • Pixel: Circa 24.1 megapixel
  • Punti messa a fuoco: 9 punti AF
  • Gamma sensibilità: 100 – 25600
  • Tempi di posa: 30 – 1/4000 sec
  • Slot Memorie: SD, SDHC, SDXC (UHS Speed Class 1 compatibili)
  • Monitor: LCD TFT da 3”, 1.040.000 punti immagine, touch screen
  • Mirino: Pentaspecchio, copertura circa 95%
  • Registrazione video: 4K (24 fps), Full HD (25/50 fps), HD (50 fps)
  • Raffica: 5 fps
  • Dimensioni: 122,4 x 92,6 x 69,8 mm
  • Peso: Circa 449 g
  • Connettività: Wi-Fi – Bluetooth

Il processore DIGIC 8

Molte delle maggiori novità sono portate dal processore più performante, rispetto alla precedente modello.
La potenza del DIGIC 8 permette infatti un miglioramento notevole soprattutto nel comparto tecnico dei video. La Canon 250D è capace quindi di registrare video in 4K a 25 fps (3840×2160 25fps), ma presenta due grandi limitazioni.

Per sfruttare questa risoluzione, la 250D deve effettuare un crop del sensore un po’ eccessivo, si parla infatti di 1,6x (da addizionare al crop 1.6x del sensore APS-C). Questo vuol dire perdere completamente la possibilità di avere riprese grandangolari.
Sfruttando il 4K si va a perdere anche quella che è l’innovazione principale dei sensori Canon di ultima generazione, ovvero la messa a fuoco non potrà sfruttare la tecnologia Dual Pixel CMOS, ma funzionerà solo a rivelazione di contrasto.

canon eos 250d

Time-lapse e Eye-AF

Il DIGIC 8 ha permesso, però, l’introduzione di funzioni importanti e difficili da trovare sulla fascia delle entry-level.
Canon ha quindi inserito la possibilità di eseguire time-laps e frame-grab. Quest’ultima consente di eseguire un fermoimmagine, ovvero l’estrapolazione di un frame da un filmato.
Registrando in formato HD sarà possibile arrivare a ben 120 fps, perdendo però la possibilità di cambiare la messa a fuoco e di registrare l’audio.

Altra feature importante per la nuova reflex della casa nipponica è l’implementazione dell’Eye-AF in modalità Live View: questa, sfruttando la tecnologia Dual Pixel, permetterà di agganciare la messa a fuoco agli occhi del nostro soggetto.

Disponibilità e prezzo

La Canon EOS 250D è già disponibile, con la lente kit 18-55 f/4.5-5.6 IS STM, per il pre-ordine sul sito ufficiale Canon al prezzo di € 789,99.
A partire dal 25 Aprile sarà disponibile nei negozi fisici in tre diverse colorazioni: bianco, nero e argento.

Alessio Santarsiero
Studente, fotografo e blogger. Lavoro ogni giorno affinché la mia passione diventi la mia professione.

Rispondi

Consigliati dalla redazione

Popolari