“Golden hour” e “Blue hour”: quando le troviamo e in cosa consistono?

Tutti gli articoli "Golden hour" e "Blue hour": quando le troviamo e in cosa consistono?

Nel corso della giornata si susseguono vari tipi di luce, ma ce ne sono due in particolare che hanno delle caratteristiche particolarmente adatte alla fotografia di paesaggio o alla ritrattistica: la “Blue” e la “Golden” hour.

Golden Hour

La Golden hour è quel momento della giornata in cui si possono vedere le prime o le ultime luci del sole. Questa particolare condizione di luce dura circa un’ora e la si può sfruttare dal sorgere del sole o da un’ora prima del tramonto fino a che il sole non è scomparso dietro l’orizzonte.

Durante la Golden hour la luce è molto morbida e calda con tendenze al dorato (da qui il nome). Anche le ombre sono molto morbide e meno definite. Questo tipo di illuminazione è molto adatto per fotografare paesaggi, edifici o scattare ritratti.

Blue hour

La “Blue hour”, come la “Golden hour”, si verifica due volte al giorno. La mattina inizia un’ora prima dell’alba mentre la sera è subito dopo il tramonto. Durante queste ore, non è ancora completamente buio e la luce ha tonalità più tendenti al blu (talvolta anche al violaceo). In questo momento le ombre sono inesistenti dato che non c’è una vera e propria fonte di illuminazione e il cielo ha un colore blu profondo.

Le tonalità blu di questi attimi danno un tono magico e surreale alle foto e, dato che spesso le luci delle città sono gialle (quindi con toni complementari alla blue hour), aumentano la chiarezza, il contrasto e la qualità delle immagini. Quest’ora è ideale per le lunghe esposizioni dato che la luce è veramente poca, tanto che non servirà nemmeno chiudere eccessivamente il diaframma.

La “Golden” e la “Blue” hour non hanno orari definiti e regolari, cambiano da stagione a stagione o possono essere oscurate da un cielo nuvoloso. E’ utile quindi informarsi prima sulle condizioni meteo ed essere pronti in anticipo nel luogo in cui si vuole scattare. Ecco un sito che può facilitare il tutto

Marco Gennari
Mi chiamo Marco Gennari e sono nato nel 1998. Non lavoro ancora come fotografo ma punto ad iniziare presto e nel frattempo, soprattutto al centro di Roma, mi piace dedicarmi a ritratti o alla street photography. Ho diverse fotocamere analogiche ma uso soprattutto la mia zenit 130 o la mia lomo lubitel 166 e mi sono "costruito" una piccola camera oscura dentro casa per stampare in bianco e nero le foto che più mi piacciono. Ho anche un profilo Instagram dove a volte pubblico qualcuno dei miei scatti. ( gennarimarco98 )

Rispondi

Consigliati dalla redazione

Popolari