Instagram censura l’autolesionismo

News Instagram censura l’autolesionismo

Da pochi giorni il social media ha annunciato che rimuoverà le immagini di autolesionismo dalla piattaforma.

La decisione è nata per via delle pressioni del governo britannico in seguito al suicidio di Molly Russell, la 14enne che si è tolta la vita nel 2017, dopo aver visto su Instagram diversi post sull’autolesionismo.

Il Segretario alla Salute del Governo britannico, Matt Hancock, ha incontrato il nuovo responsabile di Instagram, Adam Mosseri, che ha promesso di apportare le modifiche il prima possibile.

La decisione è avvenuta solo dopo le pressioni del Governo inglese, la moderazione dei contenuti nel social infatti dovevano avvenire molto prima. Sono necessari cambiamenti più grandi e immediati per affrontare la miriade di contenuti violenti che stanno iniziando a emergere sulla piattaforma.

Instagram è cresciuto esponenzialmente in questi anni.

“I dati mostrano una crescita del 36% in Italia e ben 19 milioni di utenti sono attivi al mese in tutto il mondo” scrive Wired.

(Immagine vincos.it / Vincenzo Cosenza)

Alla crescita è corrisposta un’enorme quantità di contenuti postata dagli utenti. È quindi evidente la difficoltà della piattaforma di gestirli e analizzarli attentamente. Prima la censura dei capezzoli (che ha suscitato molte critiche), poi quella dei contenuti pornografici, e infine quella dei contenuti violenti.

Probabilmente Instagram non ha investito abbastanza risorse per monitorare i propri contenuti.

Andy Day, scrittore e fotografo francese, ha analizzato l’hashtag #selfharm su Instagram, scoprendo che molti utenti condividono le loro esperienze in cerca di aiuto o per aiutare gli altri. Una piccola minoranza esprime emozioni turbate con i propri post.

Attualmente l’hashtag ha 662K post, quindi probabilmente gli utenti con account privati e con piccoli seguiti continueranno a rimanere creando altri hashtag sull’argomento per evitare il rilevamento e la censura.

Elena Maggiulli
Nata nel 1992 a Roma. Lavora come Fotografa e Social Media Manager ed è laureata in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione di impresa. La sua grande passione è la fotografia di ritratto.

Rispondi

Consigliati dalla redazione

Popolari