Poche settimane fa Nikon ha lanciato la Z7, la prima mirrorless full frame della casa nipponica. Tuttavia, in breve tempo hanno iniziato a diffondersi voci riguardanti un sistema di messa a fuoco non proprio perfetto.

In agosto, Tony e Chelsea Northrup hanno raccontato la loro esperienza con un modello di pre-produzione della Z7, innescando alcuni campanelli d’allarme. “Mi avevano promesso la D850 in una forma mirrorless, ma così non è stato.” ha spiegato Chelsea, riferendosi all’incapacità della Z7 nel tracciare soggetti in movimenti. Erano, però, in possesso di un modello di preproduzione e hanno ammesso che l’illuminazione durante i test era piuttosto bassa. Questo però non è servito ad eliminare i loro dubbi in merito alle performance del sistema.

Nikon Z7

Due settimane fa Jared Polin ha condiviso la sua esperienza d’uso durante le partite di calcio e baseball, esprimendo preoccupazioni simili. Polin ha però riconosciuto che il suo confronto è stato con la Nikon D5, ovvero l’ammiraglia di casa Nikon, e questo sicuramente ha reso il test ingiusto.

Pochi giorni fa, DPReview sembra abbia aggiornato la sua recensione con nuove informazioni sulle prestazioni dell’autofocus. Il verdetto è tutt’altro che gentile, ovvero, viene sostenuta e ribadita l’inaffidabilità del sistema di autofocus presente sulla nuova arrivata.

Nello sviluppo delle nuove mirrorless, Nikon ha deciso di rimuovere il 3D-Tracking. Funzione che invece è stata molto apprezzata sulla D850 e sulla D5 per via della sua capacità di bloccare i soggetti in movimento.

Il sistema è migliorabile?

Nikon sembra essere consapevole della poca efficienza del sistema di messa a fuoco della Z7, pertanto sembra che stia già al lavoro per arginare il problema tramite un aggiornamento software.

Rispondi