Sony sviluppa un nuovo sensore CMOS Global Shutter

News Sony sviluppa un nuovo sensore CMOS Global Shutter

Sony ha ufficializzato la notizia che vede la compagnia giapponese a lavoro per lo sviluppo di un nuovo sensore CMOS Global Shutter.

Il nuovo Pregius S

Il nome del sistema sarà Pregius S, e verrà sfruttato in campi quali logistica, manifattura e per scopi militari.

A differenza degli altri, Sony utilizzerà un sensore di tipo retroilluminato, così da poter eliminare completamente la distorsione dell’immagine, e mantenere una qualità d’immagine molto alta.

Normalmente i sensori CMOS convenzionali immagazzinano segnali nell’area di memoria che si trova accanto il fotodiodo; essi sono formati da uno impianto elettrico al di sotto dello strato in silicone, che funge da sottile scudo al fine di proteggere temporaneamente il segnale di carica racchiuso nell’area di memoria sopracitata.

Sony ha deciso così di sviluppare un nuovissimo sensore BSI, così da poter ovviare anche al problema della “miniaturizzazione“.

La miniaturizzazione dei pixel causa problemi alla sensitività e la saturazione delle immagini, ma l’azienda è riuscita a ridurre la dimensione del pixel dallo standard di 3.45µ a 2.74µ, incrementando però di 1,7 volte la risoluzione, rispetto ad un sensore FSI da 12mp.
In più, grazie al sensore retroilluminato, Sony promette di aumentare le prestazioni di circa 2,4 volte rispetto alle altre tecnologie ora in commercio.

L’azienda presenterà il prodotto quasi certamente al Vision China 2019, che si terrà a Shangai il 20 Marzo.

Vincenzo Commodari
-appassionato di fotografia specialmente nel portrait e streetphotography- mi vedo come un nerd con una macchina fotografica in mano! -non disdegno infatti games, film, serie tv, ecc ecc- Sith per scelta.

Rispondi

Consigliati dalla redazione

Popolari